Ricerca 0 Carrello: Elementi) -

Ogni anno in Francia si registrano in media 150 incidenti sul lavoro legati alle esplosioni. Oltre il 15% di questi incidenti provoca danni umani e materiali significativi. Nei cantieri o in un ambiente industriale, il rischio di esplosione è tanto più elevato in presenza di sostanze infiammabili (gas, vapore, polvere, ecc.). Per evitare qualsiasi pericolo, è essenziale definire le zone ATEX in un ambiente di lavoro e adottare tutte le misure necessarie per mettere in sicurezza le aree interessate.

Che cos'è una zona ATEX?

Nei siti industriali e nei cantieri, la sicurezza del personale e delle attrezzature è una priorità. Vengono messi in atto dispositivi specifici per prevenire eventuali pericoli. Una di queste è l'etichetta ATEX.

ATEX è l'abbreviazione di "Atmosfera esplosiva". Un ATEX è un ambiente in cui esiste un elevato rischio di esplosione dovuto alla presenza di combustibili, visibili o meno a occhio nudo. Secondo la norma EN 1127-1, un'esplosione è "una reazione improvvisa di ossidazione o decomposizione che comporta un aumento della temperatura o della pressione o di entrambe contemporaneamente". La diffusione della combustione è quasi immediata, accompagnata da fiamme e ondate di calore. Un ATEX può formarsi in condizioni di funzionamento normali o accidentalmente a causa della fuoriuscita di uno o più combustibili.

In un ATEX, l'aria si mescola con materiali infiammabili. Un'esplosione si verifica quando si verificano contemporaneamente sei condizioni:

- la presenza di un ossidante (di solito l'ossigeno dell'aria)

- la presenza di un combustibile (propano, idrogeno, carbone, farina di grano, ecc.)

- la presenza di una fonte di accensione (scintilla, elettricità statica, calore, ecc.)

- lo stato particolare del combustibile (gas, polvere, nebbia, ecc.)

- il raggiungimento di un intervallo esplosivo: la miscela non è né troppo magra né troppo ricca di carburante

- uno spazio confinato

Attenzione: i siti industriali non sono gli unici luoghi in cui si forma l'ATEX. Anche qualsiasi attività o installazione che preveda la manipolazione di sostanze infiammabili può correre questo rischio.

Importanti definizioni di aree pericolose

Ogni zona ATEX è standardizzata in base al suo grado di pericolo. In conformità con la direttiva ATEX 99/92/CE, il datore di lavoro è tenuto a valutare i rischi di esplosione nel proprio sito e a classificare le aree a rischio.

zonizzazione ATEX deve essere eseguita da una persona competente, in modo che il luogo di lavoro sia definiti e successivamente garantiti. L'identificazione delle zone ATEX comporta una verifica dell'intero strumento produttivo.

L'articolo 7 della Direttiva ATEX 1999/92/CE specifica così quest'obbligo: “Il datore di lavoro suddivide in zone i luoghi in cui possono formarsi atmosfere esplosive, conformemente all'allegato I."

Come delimitare le zone ATEX?

La zonizzazione consiste nel definire le parti di un sito sulle quali si possono formare rischi di esplosione. Questi luoghi sono qualificati come zone pericolose e delimitati in base al loro grado di pericolo.

La delimitazione di una zona ATEX è un passo importante per la sicurezza dei lavoratori che lavorano in aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive. Le zone ATEX sono definite dalla Direttiva Europea 1999/92/CE e vengono utilizzate per classificare le aree di lavoro in base al loro livello di rischio di esplosione.

La delimitazione di una zona ATEX si basa su una valutazione del rischio che determina la probabilità che si formi un'atmosfera esplosiva in una determinata zona. Questa valutazione tiene conto di diversi fattori, come la frequenza e la durata della presenza di sostanze esplosive, la ventilazione e le potenziali fonti di innesco.

  1. Una volta identificate le aree a rischio, queste dovrebbero essere chiaramente delimitate. I metodi di delimitazione possono variare a seconda delle circostanze, ma ecco alcune opzioni comuni: Segnaletica a terra: le aree possono essere delimitate mediante segnaletica a terra di colori diversi per ciascuna zona , che facilita l'identificazione dei limiti.
  2. Segnaletica: è possibile utilizzare segnali ed etichette per indicare la presenza di zone ATEX e fornire informazioni su rischi specifici.
  3. Barriere fisiche: le barriere fisiche possono essere utilizzate per separare le aree a rischio dalle aree in cui è presente il rischio di esplosione inferiore.
  4. Utilizzo di attrezzature specifiche</strong >: attrezzature come apparecchi di illuminazione, ventilatori e motori possono essere progettate per l'uso specifico in zone ATEX. È importante notare che la delimitazione delle zone ATEX deve essere regolarmente rivalutata e aggiornata in base ai cambiamenti nelle condizioni di lavoro.

Il regolamento

Una zona è definita ATEX quando viene utilizzata per immagazzinare o manipolare materiali infiammabili. Il grado di pericolo in una zona ATEX viene valutato in base alla quantità e alla natura dei materiali. Più alto è il livello, maggiori sono i rischi e più severe le normative.

I regolamenti ATEX sono definiti da due direttive europee:

- Direttiva 2014/34/UE (ATEX 95), relativa alle apparecchiature utilizzate in una zona ATEX;

- e la direttiva 1999/92/CE (ATEX 137), sulla sicurezza dei lavoratori in una zona ATEX.

Queste direttive obbligano i datori di lavoro a controllare i rischi di esplosione nel loro sito allo stesso modo degli altri rischi professionali. L'obiettivo è garantire la sicurezza e migliorare la salute delle persone che possono essere esposte ai rischi ATEX.

Un datore di lavoro deve :

- valutare i rischi di esplosione sul suo sito

- identificare, classificare e delimitare le zone ATEX

- attuare le misure di protezione tecniche e organizzative (prevenzione, formazione, manutenzione, ecc.)

- rendere disponibili attrezzature e dispositivi specifici per le aree pericolose

- coordinare le persone coinvolte in ATEX

- redigere un DRCPE (documento di protezione contro le esplosioni)

Dall'entrata in vigore della Direttiva 1999/92/CE nel luglio 2003, la valutazione dei rischi di esplosione è obbligatoria. Il luogo di lavoro e le attrezzature devono essere messi a norma, pena un'ammenda fino a 10.000 euro (articolo L. 4741-1 del Codice del lavoro).

La zonizzazione ATEX prevede le seguenti fasi:

  1. Raccolta di dati fisici e chimici sui prodotti combustibili presenti nel sito.
  2. Analisi funzionale degli impianti che utilizzano prodotti infiammabili
  3. Determinazione delle fonti di rilascio e della probabilità che si verifichi un'atmosfera esplosiva (ATEX).
  4. Caratterizzazione della zona (pericolo ed estensione)
  5. Studio delle fonti di accensione

Classificazione delle aree

Esistono tre tipi di zone definite dalla CEI (1986), dal Ministero del Lavoro (1988) e dal Ministero dell'Industria (1991).

Questa classificazione è stata perfezionata nella direttiva ATEX, che non fa più riferimento a zone ma a categorie di apparecchiature, a seconda della probabilità di formazione di una miscela esplosiva, e a due diverse applicazioni a seconda della natura della miscela (gas o polvere).

  • PERICOLO PERMANENTE: la miscela esplosiva è presente in ogni momento.
  • PERICOLO FREQUENTE: durante il normale funzionamento dell'impianto è probabile la formazione di una miscela esplosiva di gas o vapori.
  • PERICOLO OCCASIONALE: una miscela esplosiva può verificarsi solo in caso di funzionamento anomalo dell'impianto.

ZONECATEGORIA DI APPARECCHIATURA
GAS0: Presenza permanente
1: Presenza occasionale
2: Presenza rara
-> 1G
-> 2G o 1G
-> 3G, 2G o 1G
POLVERI20: Presenza permanente
21: Presenza occasionale
22: Presenza rara
-> 1G
-> 2G o 1G
-> 3G, 2G o 1G

Questi rischi hanno permesso di creare 3 categorie che determinano il livello di protezione dell'apparecchiatura

  • CATEGORIA 1 : LIVELLO DI PROTEZIONE MOLTO ELEVATO: la miscela esplosiva è presente costantemente, o per lungo tempo, o frequentemente.
  • CATEGORIA 2 : LIVELLO DI PROTEZIONE ELEVATO: è probabile che si verifichi una miscela esplosiva.
  • CATEGORIA 3 : LIVELLO NORMALE DI PROTEZIONE: Una miscela esplosiva ha una bassa probabilità di verificarsi e rimarrà solo per un breve periodo.
CATEGORIA DELL'APPARECCHIATURASOSTANZA INFIAMMABILEGRADO DI PROTEZIONEPROTEZIONE, VALORI DI DEFAULT
APPARECCHIATURA GRUPPO I (miniere)M1Metano, polveriLivello molto alto2 vie di protezione o valori di default
M2Metano, polveriLivello alto1 via di protezione
Funzionamento standard
APPARECCHIATURA GRUPPO II (miniere)1Gas, vapori, nebbie, polveriLivello molto alto2 vie di protezione o valori di default
2Gas, vapori, nebbie, polveriLivello alto1 via di protezione
Perturbazione frequente e comune
3Gas, vapori, nebbie, polveriStandardLivello di protezione richiesto

Marcatura

La marcatura normativa ATEX indica i requisiti di marcatura per le apparecchiature destinate all'uso in aree pericolose (a rischio di esplosione). Le apparecchiature devono essere contrassegnate con il numero della direttiva ATEX, la categoria di zona e le informazioni del produttore.

La marcatura normativa ATEX indica gli standard specifici che definiscono i requisiti per le apparecchiature utilizzate in aree pericolose. Gli standard ATEX includono requisiti per la progettazione, la costruzione, le prestazioni e la marcatura delle apparecchiature per garantirne l'uso sicuro in ambienti potenzialmente esplosivi.

La zonazione consente di identificare i luoghi in cui può formarsi un'ATM, ma anche di determinare l'attrezzatura adeguata da utilizzare nelle zone a rischio. Ogni apparecchio presente sul luogo, elettrico o meno, deve essere conforme ai requisiti tecnici associati a ciascun tipo di zona. Solo i prodotti certificati, con un marchio specifico, possono essere utilizzati in una zona ATEX.

Il marchio specifico ATEX è un requisito della Direttiva Europea sugli ATEX. Consente al datore di lavoro di assicurarsi della conformità richiesta dalla Direttiva ATEX 2014/34/UE per la sua attrezzatura. Un marchio ATEX deve includere:

-        il simbolo "CE" della Commissione europea

-        una serie di quattro cifre corrispondenti all'organismo notificato responsabile del controllo di conformità

-        il logo ATEX (un esagono in cui sono incise le lettere "E" e "x")

-        una serie di cifre e lettere che indicano la natura e l'intensità del rischio esplosivo

Esistono diverse zone ATEX che determinano il livello di potenziale pericolo di una determinata zona. Le zone sono definite come segue:

Zona 0: un'area in cui può verificarsi continuamente un'esplosione di gas, vapori o polveri.

Zona 1: un'area in cui può occasionalmente verificarsi un'esplosione di gas, vapori o polveri.

Zona 2: un'area in cui può verificarsi un'esplosione di gas, vapori o polveri è improbabile.

Le zone ATEX sono determinate in base alla quantità, alla natura e alla durata della presenza di gas, vapori o polveri esplosive nell'ambiente. Le apparecchiature utilizzate nelle zone ATEX devono essere progettate e contrassegnate di conseguenza per garantire la sicurezza in ambienti potenzialmente esplosivi.

Queste zone devono tenere conto dei parametri esterni (ventilazione, aperture, riscaldamento, ecc.) che possono modificare l'estensione delle zone. L'illustrazione seguente mostra un esempio di classificazione delle aree pericolose per la stazione di scarico di liquidi infiammabili. Per le polveri il principio è lo stesso, cambia solo il nome della zona in 20, 21, 22. Oltre la zona 2 o 22 non vi è più alcuna probabilità che si formi una miscela esplosiva. Al di fuori dell'area classificata è quindi possibile utilizzare lo standard industriale.

Osservazioni

  • I dispositivi certificati per la zona 0 possono essere utilizzati anche nelle zone 1 e 2.
  • Le apparecchiature certificate per la zona 22 non possono essere utilizzate nella zona 20 o 21.
  • La Zona 0 (in un serbatoio) e la Zona 20 (all'interno di un silo) sono aree in cui sono presenti apparecchiature elettriche fisse (ad eccezione dei sensori).
  • Le apparecchiature certificate per la Zona 21 non possono essere utilizzate nella Zona 1. Gli apparecchi "a gas" certificati ATEX (compresi i dispositivi di sicurezza ad alta "e") sono protetti nel loro involucro e in ogni componente interno.

Tuttavia, le apparecchiature certificate ATEX "polvere" sono protette dall'involucro esterno. Tuttavia, esistono molti dispositivi con certificazione "gas" e "polvere" che possono essere utilizzati in entrambi gli ambienti.

Aide ?

Eh oui ! Nous aussi nous utilisons des cookies sur ce site. Avec votre consentement, nous les utiliserons pour mesurer et améliorer votre expérience l'utilisation du site. Pour en savoir +, rdv à notre page politique de confidentialité.

Il tuo carrello

Non ci sono più articoli nel tuo carrello